Responsabilità civile per simboli non graditi

Il procuratore generale Igor Krasnov, parlando al Consiglio della Federazione, ha proposto di introdurre la responsabilità civile per l’esposizione e la diffusione di “bandiere, distintivi, meme e altro” per scopi ritenuti “estremisti”.
“Oggi in un certo numero di paesi stranieri – ha detto Krasnov (citato da Mediazone), – nel bel mezzo dell’isteria sul nastro di San Giorgio (…) non ci sono divieti all’ostentazione della simbologia nazista. Nel nostro paese abbiamo regole corrispondenti, ma non si applicano a quei simboli che poi vengono utilizzati per scopi estremistici. (…) Si tratta di bandiere, distintivi, memi e varie altre cose”.

(Novaja Gazeta)

Probabilmente Krasnov si riferisce a chi, come questa signora di Pskov, aveva la recinzione dipinta di giallo e blu; la polizia è intervenuta prontamente su segnalazione dei vicini.

(24tv.ua)