Due arresti per picchetti a S. Pietroburgo e Rjazan’

Sulla Prospettiva Nevskij a San Pietroburgo è stata arrestata Marija Revzina, mentre reggeva il cartello con la scritta: “Mia madre ha detto che non mi possono arrestare per queste parole, perché la Russia è un paese libero e V.V. Putin ne è il degno presidente! No alla guerra”. Dopo l’arresto l’attivista è stata rilasciata con l’accusa di screditare l’esercito.

(https://t.me/avtozaklive/13668)

Altre due ragazze a Rjazan’ sono state fermate per aver realizzato dei graffiti raffiguranti la colomba della pace sulle strisce pedonali.

(https://t.me/avtozaklive/13670)